Curriculum/Resume


resumeIl Curriculum australiano è molto differente dagli altri stili, sia nel contenuto che nella struttura. Di conseguenza chi cerca lavoro in Australia dovrebbe cambiare il suo curriculum in una versione australiana. Eccovi alcuni consigli utili:

Osservazioni Generali:

  • Il curriculum australiano è più lungo e più dettagliato degli altri. Spesso sono più di tre pagine e i datori australiani sono abituati a ricevere curriculum lunghi.
  • Non dovreste includere nessuna fotografia, a meno che vi sia richiesta direttamente.
  • Siate precisi. Per esempio, indicate precisamente le date di inizio e fine dei diversi lavori svolti e indicate il titolo esatto della vostra posizione.

Le diverse sezioni:

  • Prima di tutto, i “dettagli di contatto” in cui dovete indicare chiaramente il vostro nome completo, numero di telefono (naturalmente Australiano), e-mail, e il tipo di visto di cui siete in possesso. Potete anche inserire la vostra nazionalità, ma non siete tenuti a indicare la vostra data di nascita.
  • In aggiunta alla sezione tradizionale (Educazione, Esperienze Professionali, Interessi), potete aggiungere una sezione intitolata “obiettivi lavorativi” dove potete definire le vostre aspettative lavorative in un paio di frasi. Questa sezione è generalmente situata all’inizio del curriculum cosicché il datore di lavoro si può fare un’idea generale della vostra motivazione.
  • La sezione “Esperienze” è obbligatoria. È importante specificare dettagliatamente le posizioni ricoperte, i nomi e il settore delle aziende per cui avete lavorato (precisando le date di inizio e conclusione) e i progetti portati a termine. Può anche essere utile fornire una descrizione scritta del funzionamento delle aziende in cui si è lavorato e della propria esperienza in esse. Elencate dalla più recente le vostre esperienze inserendo:
    • Dove – per esempio: Electra Spa, Milano (Italia)
    • Posizione ricoperta – per esempio: Direttore Vendite
    • Quando – per esempio: Febbraio 2009 – Marzo 2010 (13 mesi)
    • Responsabilità principali – per esempio: gestione staff di 5 persone, pianificazione vendite, analisi vendite
    • Obiettivi raggiunti – per esempio: incremento delle vendite regionali del 5% dal 2009 al 2010
  • Non lasciare spazi vuoti nel proprio curriculum, perché può essere interpretato in maniera negativa (litigi sul lavoro, licenziamento, ecc…). Perciò, se si ha una carriera professionale con lunghi periodi d’inattività lavorativa dovuti alla scelta di effettuare un anno sabbatico, alla vincita di una borsa di studio, a un lungo viaggio, a gravi problemi personali o a qualsiasi altro tipo di motivazione, allora è bene specificarlo.
  • Come in altri curriculum Anglosassoni, le “Referenze” sono obbligatorie ma si può decidere tra due opzioni. Si possono scrivere i nomi e i contatti delle vostre referenze direttamente oppure scrivere “referenze disponibili su richiesta”, cioè che darete le vostre referenze in seguito. Se avete buone referenze, vi raccomandiamo di darle direttamente perché possono essere molto utili.
  • Obiettivo di carriera. Consiste in una dichiarazione nella quale si definiscono le proprie ambizioni nel settore o nella posizione lavorativa che si sta cercando. È importante che sia chiaro, conciso e su misura per il lavoro cercato; più è specifico e più alte saranno le possibilità di essere considerati per il lavoro.
  • La sezione “Educazione” non è molto importante nel curriculum. Dovete solo indicare quali lauree avete conseguito e dove avete studiato. Se avete un diploma equivalente a uno australiano, menzionatelo e siate accurati. Se no, spiegate in cosa può corrispondere il vostro diploma in Australia, perché spesso le azienda australiane non conoscono il valore dei diplomi stranieri.

Competenze linguistiche, informatiche e abilità varie. In questa sezione vanno riportate le informazioni relative alle lingue parlate (delle quali bisogna quantificare il livello scritto e parlato) e alle conoscenze che si hanno riguardo l’informatica; è bene specificare il possesso di eventuali attestati riconosciuti. In ogni modo, oltre a quelle linguistiche e informatiche è bene specificare qualsiasi abilità si disponga, soprattutto se coerente con il lavoro che si andrebbe a svolgere.

In ultimo, una cosa molto importante è la fase di correzione. È fondamentale, infatti, che il testo del curriculum non presenti alcun tipo di errore, nemmeno di ortografia. Anche un piccolo refuso, infatti, può essere interpretato come segno di disattenzione e non curanza.

Alcuni consigli:

  1. Adattate il vostro curriculum secondo il lavoro che state cercando
  2. Preparatevi 2-3 versioni del vostro CV secondo le tipologie di lavoro che potreste cercare.
  3. Preparatevi anche delle cover letters o lettere motivazionali nelle quali spiegate perché siete interessati al lavoro e dite perché voi sareste adatti al lavoro in questione. Nella cover letter non ripetete informazioni presenti nel CV, ma piuttosto prendete l’offerta di lavoro e rispondete punto per punto a ciò che il datore di lavoro sta cercando. Cercate di mostrare come le vostre esperienze, qualifiche e personalità siano in linea con quelle ricercate dal datore di lavoro.
  4. Siate onesti e scrivete la verità nel CV!

 

Alcuni siti dove trovare esempi di curriculum-resume australiani sonoç

http://career-advice.careerone.com.au/resume-cover-letter/sample-resume/careerone-sample-resume-aa/article.aspx

http://www.youthcentral.vic.gov.au/jobs-careers/applying-for-jobs/how-to-write-a-resume

http://www.lavitainaustralia.com/2013/05/Come-scrivere-un-curriculum-per-cercare-lavoro-in-Australia.html

 

Informazioni aggiornate al 20 Dicembre 2015